FAQ

/FAQ
FAQ 2018-06-24T13:26:46+00:00

1. Se mi perdo, c’è qualcuno che mi assiste?
Certo chiama il nostro numero e ti assistiamo per riportarti sulla giusta strada.

2. In caso di foratura o di un altro problema meccanico come faccio?
In caso di foratura puoi utilizzare il kit di sostituzione della camera d’aria, o in alternativa la bomboletta ripara forature, in dotazione.

3. La bicicletta presa a noleggio può essere lasciata in un luogo diverso da quello del ritiro?
Si certo. Puoi lasciarla presso i punti convenzionati alla rete eGO eBIKE o in un punto prestabilito al momento dell’ordine.

4. Un minore può noleggiare una bicicletta?
Solo se accompagnato da un genitore.

5. Per noleggiare una bicicletta servono dei documenti particolari?
No, è sufficiente un documento di riconoscimento valido.

6. Una volta sottoscritto il contratto di noleggio se mi succede qualcosa sono coperto dall’assicurazione?
Ogni nostra bici è coperta da assicurazione RC, l’assicurazione personale la puoi richiedere.

7. Se la batteria della bicicletta a pedalata assistita si scarica, cosa devo fare?
Se hai richiesto il carica batterie a bordo è sufficiente fermarsi per una ricarica in qualsiasi punto convenzionato o luogo pubblico per una ricarica veloce (30 minuti di ricarica = 20% di autonomia)

8. In caso di maltempo i tour organizzati si tengono ugualmente? Se ho pagato la quota e il tour non si tiene, perdo i soldi della quota?
Dipende. Alcuni tour prevedono partenze anche in caso di pioggia (nella stagione calda), per altri è a discrezione della guida (quando presente). Se il tour viene annullato dall’organizzazione la quota vi verrà restituita per intero.

9. Come faccio a capire se un tour è adatto a me?
E’ sufficiente valutare il percorso, le pendenze, e le indicazioni che vi forniamo per ogni nostra proposta, eventualmente, nel dubbio, chiamaci.

10. Per fare un vostro tour quanto bisogna essere allenati?
Le proposte che facciamo sono “per tutte le gambe”. I chilometri e le difficoltà sono studiati per farvi passare qualche ora alla scoperta del territorio senza fretta per poter gustare appieno profumi e panorami. Se sei alle prime pedalate, e ti spaventano i chilometri del percorso, scegli una bicicletta a pedalata assistita: te ne innamorerai.

11. Come mi devo vestire per affrontare un giro in bicicletta?
La cosa più spiacevole può essere la pioggia, per questo ti consigliamo ti prendere con te un K-way. Sicuramente un pantaloncino imbottito fa comodo per stare in sella. Oggi esistono indumenti intimi imbottiti che puoi indossare sotto ad un pantalone, preferibilmente comodo. Una maglietta traspirante aiuta nel migliorare la respirazione della pelle. La regola generale è di indossare indumenti che ti facciano stare comodo.

12. Non ho mai usato una bici a pedalata assistita, saprò utilizzarla?
E’ più facile di quanto tu possa immaginare, lasciati guidare da noi ed in pochi metri ti sentirai come se tu l’avessi sempre utilizzata.

13. Se mi rubano la bici che ho noleggiato cosa succede?
La prima cosa che devi fare è sporgere denuncia ed inviarcene una copia, se la bici non verrà ritrovata dovremmo addebitartene il costo.

14. Come mi posso difendere dal rischio di furto della bicicletta?
Sconsigliamo sempre di lasciare la bici incustodita ma se ti fermi nei punti convenzionati con eGO eBIKE chiedi di parcheggiare in un posto sicuro. La bici va comunque sempre legata con il lucchetto in dotazione cercando di assicurare il telaio e la ruota ad un portabici. Esistono dei parcheggi privati a pagamento che accolgono anche le bici, di solito questi sono controllati.

15. Come scegliere la bicicletta adatta
Se vi affiderete alla nostra esperienza naturalmente vi consiglieremo noi. In ogni caso è utile sapere che per prima cosa occorre pensare all’utilizzo che si intende farne. Oggi l’offerta di biciclette è molto vasta: ne esistono di vari tipi a seconda dell’impiego – lunghezza e tipologia dei percorsi, forma fisica del ciclista, frequenza di utilizzo – e del terreno.
A fianco della bicicletta classica, sono via via spuntati innumerevoli modelli a partire dalla bicicletta da strada, alla mountain bike, sino alle ibride, dette anche a pedalata assistita perché alla forza delle gambe si unisce quella di un motore elettrico.
Impossibile oggi non trovare il mezzo adatto a voi. Ricordate però che è sempre opportuno farsi consigliare da uno specialista che, preferibilmente, abbia anche una officina in modo che possa aiutarvi a risolvere piccoli problemi meccanici che dovessero insorgere o più semplicemente possa darvi consigli sulla manutenzione.
Non comprate mai a scatola chiusa, prima provatela e cercate di capire se è davvero la bicicletta adatta a voi. Attenzione in particolare alla misura del telaio, solo scegliendo quella giusta eviterete di assumere in sella posizioni non corrette.

16. Il Decalogo N.O.R.B.A. (National Off Road Bycicle Association)
Dare sempre la precedenza agli escursionisti a piedi.
Rallentare e usare la massima cautela nell’avvicinare e nel sorpassare escursionisti a piedi o altri ciclo escursionisti, facendo sempre in modo di segnalare il proprio arrivo con debito anticipo; evitare schiamazzi o urla, anzi scusarsi e salutare in modo garbato.
Tenere sempre sotto controllo la velocità della mountain bike e affrontare le curve con estrema cautela, prevedendo ostacoli improvvisi. L’andatura deve essere commisurata al tipo di terreno, al tipo di percorso e all’esperienza di ciascuno.
Rimanere sempre all’interno del percorso tracciato, riducendo così al minimo l’impatto ambientale (danni permanenti alla vegetazione circostante e conseguente erosione del terreno).
Non disturbare o spaventare gli animali, siano essi domestici o selvatici; dare loro il tempo di allontanarsi e di spostarsi dal percorso.
Non lasciare per alcun motivo rifiuti a seguito del proprio passaggio; è opportuno raccogliere i propri e, quando possibile, anche quelli abbandonati da altri escursionisti distratti.
Rispettare sempre le proprietà private e quelle pubbliche, lasciando cancelli, barriere mobili o sbarre così come vengono trovate. In ogni caso, se possibile, rivolgersi direttamente ai proprietari dei fondi per chiedere il permesso di transito. “Vietato l’ingresso” spesso significa solo “Per favore, se volete passare chiedete il permesso”. Durante l’escursione è sempre opportuno essere autosufficienti. La meta da raggiungere e la velocità con cui ci si sposta devono essere proporzionati alla preparazione psicofisica e all’abilità del guidatore, all’equipaggiamento, all’ambiente, al terreno e, soprattutto, alle condizioni meteorologiche.
Non intraprendere mai da soli una escursione, salvo cause di forza maggiore. Non transitare in zone isolate e distanti dalle principali vie di comunicazione e lasciare sempre chiare indicazioni riguardo il percorso da effettuare e l’ora prevista per il rientro.
Ridurre al minimo l’impatto con la natura: rubare solo immagini e ricordi, e lasciare, al massimo, l’impronta appena percettibile delle ruote del proprio mezzo.

17. Mi suggerisc alcune delle riviste dedicate alla bicicletta e al cicloturista
1. – 4granfondo
2. – Bicisport Rivista ufficiale del grande ciclismo
3. – Bicitech
4. – Ciclismo illustrato
5. – Cicloturismo
6. – Cycling Pro
7. – Il Ciclismo Amatori
8. – La Bicicletta